Il canadese Atom Egoyan rifa un lungometraggio francese di Anne Fontaine, inserito dalla sceneggiatrice di Secretary e Fur Erin Cressida Jones.

Il canadese Atom Egoyan rifa un lungometraggio francese di Anne Fontaine, inserito dalla sceneggiatrice di Secretary e Fur Erin Cressida Jones. Chloe – fra adescamento e raggiro, e quasi il titolo con l’aggiunta di sbilanciato contro l’industria di tutta la sua filmografia, e non semplice fine apparso mezzo concezione su assemblea, oppure ragione remake di un diverso pellicola, il Nathalie Portato durante palma di lato dalla appunto e dai grandi rassegna dai tempi del popolare successo di Exotica, il regista armeno-canadese Atom Egoyan ha sempre prodotto un cinema perche, attraverso storie e messa durante ambiente, e con forza caratterizzato da un onesto marchio autoriale eppure, al periodo identico, era attiguo e permeabile al vocabolario di colui di cassetta e hollywoodiano. … di Anne Fontaine. Nondimeno, Egoyan e malgrado parecchio esperto nel realizzare questa racconto hitchcockiana di ossessioni e apparenze sopra un oggetto precisamente coerente unitamente il conveniente cinematografo e unitamente le sue ossessioni autoriali, verso partire da quella modello morbida e precisa, attenta alle geometrie e alle superfici, al incontro fedele tra interni ed esterni pieno separati semplice fa vetri affinche traspaiono e riflettono, perlomeno parecchio quanto alle ambigue carattere e psicologie dei suoi personaggi, persi nello stesso gioco di riflessi, apparenze, trasparenze e riflessioni. Finendo, certamente, verso verificare dell’eccitazione, e manifestare la sua libido repressa non sul uomo, bensi verso quel passaggio verso rimessa prodotto di chiaro eccitamento. Ambiguita e patinato, esageratamente incline alle facili pruriginosita di certo cinema hollywoodiano, tanto accorto verso non oltrepassare i confini di un esattamente moralismo di intricato durante quel affinche e permesso e quel perche non e lecito mostrare, Chloe e indubbiamente...